Carissimi amici della FFB di Rovio,

sembra proprio che oggi ci sia una diffusa allergia. Potremmo chiamarla anche intolleranza, secondo i nuovi modi di esprimersi in ambito medico, con la differenza che moltissimi ne soffrono. E’ l’allergia alle parole “Per sempre!”. Ci fa paura impegnarci in progetti, lavori o rapporti a lungo termine, per cui preferiamo affidarci alla logica del tempo determinato, dove da entrambi le parti vi sono obblighi e impegni, certamente, però soltanto per un tempo breve, che prima o poi sappiamo verrà a finire. La questione di fondo è che tale modo di concepire la vita e le relazioni ormai non toccano più solo ambiti lavorativi o relazionali in senso largo; anche le grandi scelte della vita subiscono il condizionamento di questa logica. Sposarsi? Impossibile! Chi sarebbe in grado di amare per tutta la vita la stessa persona? Impegnarsi in un progetto di vita nel quale il dono di se stessi è alla base di questa scelta… Anacronistico! Ormai chi accetta più di fare o di scegliere uno stato di vita “per sempre”?

Per questo motivo, quanto abbiamo vissuto nella nostra fraternità di Terlizzi qualche settimana fa è davvero fuori da questa logica. Sor. Veronica Migliorini, una delle nostre sorelle che vive a Rovio e che si è preparata lungamente in quest’anno, assieme ad altri fratelli e sorelle il 29 settembre u.s. ha emesso la sua professione perpetua nelle mani del nostro Superiore Genrale, fra Paolo Crivelli. Questo significa che per tutta la vita ha giurato di vivere in castità, povertà, e obbedienza. 

Pazzia? Follia? Forse per qualcuno sì. Il punto è che ciascuno di noi è consapevole del fatto che quando compiamo questo passo per sempre, è perché abbiamo scoperto che non siamo noi ad essere fedeli e costanti nell’amore. E’ Gesù ad esserlo per noi: quindi, pur consapevoli dei propri limiti e delle proprie miserie, anche noi diciamo il nostro sì al Signore, certi che la sua misericordia non verrà meno lungo il nostro cammino. Per questo sarà possibile vivere per tutta la vita ciò che, altrimenti, umanamente sarebbe soltanto assurdo.

Cosa rimane, alla fine, quando si è detto di sì a Dio, proprio come ha fatto sor. Veronica? Qualcosa che il mondo, la logica di chi è allergico o intollerante al “per sempre” non potrà mai capire né tantomeno sperimentare. La gioia vera, e tanta tanta pace nel cuore.

Auguri Veronica!

La Fraternità di Rovio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: