Carissimi amici della Fraternità di Rovio,

dal 18 al 23 agosto u.s., alcuni fratelli e sorelle della FFB di Rovio, assieme ad un gruppo di amici, si sono recati in pellegrinaggio a Medugorje, come ormai di consueto da diversi anni. E’ difficile spiegare cosa si prova quando ci si reca per incontrare la Madre: siamo pieni di aspettative, di cose da chiedere e di problemi da risolvere. Eppure… quando si arriva lì si è avvolti da un abbraccio materno, da un benvenuto che viene direttamente dal cielo: lei è lì, che ti aspettava per curare le tue ferite e per darti forza per affrontare le piccole e grandi croci quotidiane. Non c’è bisogno di vedere nessun segno o manifestazione straordinaria: la presenza più straordinaria della Madonna, infatti, è quella che si avverte quando ci si siede da soli su qualche panchina, e si chiudono gli occhi. A quel punto, la sua presenza materna si fa percepibile, e non c’è più bisogno di cercare niente. La Vergine ti fa sentire amato ed atteso: a lei interessa tutto di noi e delle nostre sofferenze…

Ecco, in sintesi, quello che abbiamo sperimentato in questo pellegrinaggio. Il vero pellegrinaggio, quello quotidiano che viviamo tutti i giorni nella nostra quotidianità, ci aiuterà a rendere più stabili e forti i doni che abbiamo ricevuto e ci renderà più consapevoli della presenza dolce e premurosa della nostra Madre, la Regina della Pace.

La Fraternità di Rovio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: