Carissimi amici della FFB di Rovio, 

al tempo di Gesù le donne non avevano grande importanza o rilevanza sociale. La loro testimonianza, ad esempio, non era valida; in più, esse erano considerate una categoria che, oggi, definiremmo svantaggiata per tanti motivi. Proprio per questo, ci stupisce molto il comportamento di Gesù risorto, il quale decide di apparire proprio ad una donna, Maria di Magdala. La Maddalena.Il 22 luglio facciamo memoria proprio di questa grande donna la quale, di fronte alla tomba vuota, dopo un momento di scoraggiamento, trova il coraggio di dire al giardiniere (cioè Gesù in persona, che però lei non riconosce) che lei stessa andrà a prendere il corpo del Signore. Nonostante questo provocasse in lei impurità – perché non si poteva toccare un cadavere – e nonostante la difficoltà di trasportare da sola il corpo di un uomo. 

E poi, quando riconosce Gesù, ecco il mandato: “Va dai miei fratelli e dì loro: Io salgo al Padre mio e Padre vostro, Dio mio e Dio vostro” (Gv 20,17). La Maddalena sapeva benissimo che pochi le avrebbero creduto, proprio perché era una donna: eppure nemmeno questo la fermò di fronte alla sua missione. 

Ci piacerebbe chiedere a Maria di Magdala: dove hai trovato il coraggio di stare sotto la croce assieme alla Madonna? Come hai fatto a trovare la forza per proporti addirittura di andare a prendere il corpo del Signore? E poi, come hai fatto a sopportare il dubbio, l’incredulità, e forse anche lo scherno di coloro che non ti hanno creduta quando hai detto loro di aver visto il Signore risorto? 

La risposta, quasi certamente, è questa. Maria di Magdala è riuscita a superare il pregiudizio, il limite imposto ad ogni donna del suo tempo proprio per l’amore e l’entusiasmo che aveva nel cuore per Gesù. Quando si vuol davvero bene al Cristo, non c’è impresa che non si possa fare; non c’è limite che non si possa superare, e persino la morte deve riconoscere la sua sconfitta di fronte a chi attende con fede l’alba della risurrezione, perché l’amore è più forte della morte. Papa Francesco, recentemente, ha elevato la memoria di S. Maria Maddalena a festa, definendo questa donna coraggiosa apostola degli apostoli. E’ proprio così: quando anche noi smettiamo di avere paura del giudizio e dello scherno degli altri, diventiamo proprio come lei, discepoli della pace di cui il mondo ha tanto bisogno e di cui attende un annuncio convinto. 

Prendiamo esempio da lei, nel giorno della sua festa. Sarà il modo più bello per riconoscere il Signore nella nostra vita, e correre pieni di gioia ad annunciarlo agli altri, con queste parole piene di entusiasmo sulle labbra: “Ho visto il Signore!” (Gv 20,18). Proprio come Maria di Madgala, apostola degli apostoli. 

La Fraternità di Rovio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: